Terra futura 2009

Contributo del lab TIPUS – DipSU – Master PISM

Contributo del Laboratorio TIPUS del DIPSU

Vengono illustrate 4 sperimentazioni

Il piano di recupero e il PRINT di Centocelle vecchia a Roma

50×6030centocellesmall.jpg50×90centocellesmall.jpg

Il recupero del giardino dell’Angelo Mai
50×6030angelo-maismall.jpg50×90angelomainewsmall.jpg

Il recupero di otto giardini nel VI Municipio di Roma: un processo di progettazione partecipata
scuole-inizionewsmall.jpg scuole-progettonew2small.jpg

Il futuro di Valco San Paolo

vspiniziosmall1.jpgvsp-progettosmall.jpg

______________________________________________________________________

Master internazionale di 2° livello
PROGETTAZIONE INTERATTIVA SOSTENIBILE E MULTIMEDIALITA’
a.a. 2009/2010

Il Master si articola in due moduli consecutivi intitolati:
•    Processi partecipativi e comunita’ locali
•    Metodi e strumenti per la progettazione interattiva sostenibile e multimedialita’
Il Master risponde alla crescente domanda di formazione nel settore dei metodi della pianificazione/progettazione partecipata, sostenibile e interattiva, con l’ausilio della rete internet e delle tecniche multimediali.

Un processo di progettazione partecipata nel rione Monti di Roma

Viene illustrato il processo finalizzato al recupero dell’ex Istituto Angelo Mai, un complesso storico del rione Monti.
Nel 2002 questo complesso è stato salvato dalla minacciata cartolarizzazione grazie a una ampia mobilitazione degli abitanti del rione. Il Comune, dopo aver destinato l’ex Istituto a scuola pubblica, ha tuttavia ignorato il progetto elaborato da alcuni docenti e ricercatori dall’Università Roma Tre – con la partecipazione diretta degli abitanti – che destinava gli spazi aperti del complesso a giardino pubblico e prevedeva la costruzione di una palestra in luogo dell’attuale sotto-stazione elettrica, un edificio in gravi condizioni di degrado ubicato all’interno del complesso.
In questi ultimi tempi si sono riaccese le speranze che gli spazi dell’ex-Istituto non destinati a scuola possano essere recuperati coerentemente con le proposte di riuso individuate a suo tempo nell’ambito del processo di progettazione partecipata.

tavola03small.jpg


Il preliminare del piano di recupero e del PRINT di Centocelle Vecchia di Roma

Il preliminare del piano di recupero (PdR) di Centocelle Vecchia è stato affidato nel 2001 dal Comune di Roma al gruppo vincitore del 2° Concorso Nazionale di Progettazione Partecipata e Comunicativa INU-WWF (*).
Il Comune quindi deciso di utilizzare i risultati del preliminare per redigere il PRINT (Programma Integrato d’Intervento) previsto per la stessa zona dal nuovo PRG, che all’epoca era in corso di elaborazione.

*Capo progetto: arch. Elena Mortola. Associati: arch. M. Bastiani, arch. G. Cafiero, arch. B. Del Brocco, ing. M. Felici, arch. A. Fortuzzi, prof. dott. A. Giangrande, arch. F. Mecarelli, arch. F. Sartogo, arch. A. Simone, arch. A. Zarfati
50×60centocellesmall.jpg

Un processo partecipativo a Roma per il futuro di Valco San Paolo

Il processo partecipativo è stato avviato dai docenti e dai collaboratori del Laboratorio TIPUS del DiPSU – il Dipartimento di Studi Urbani di Roma Tre – su sollecitazione dell’ “Ansa del Tevere”, un Comitato che raggruppa associazioni e gruppi di cittadini dell’area di Valco San Paolo. I metodi e la azioni promosse nell’ambito di questo processo hanno consentito di identificare una strategia di riqualificazione della zona alternativa a quella prefigurata dallo stesso PRG e maggiormente sostenibile sotto il profilo ambientale. In concreto è stato anche possibile bloccare la realizzazione di un progetto di ampliamento di Lungotevere Dante che rischiava di rendere di fatto inaccessibile agli abitanti stessi la sponda del fiume.
vspiniziosmall.jpg

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>