Nuovo libro PROCESSI DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA PER LA CITTA’ STORICA DI ROMA

PROCESSI DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA PER LA CITTA’ STORICA DI ROMA:

Strategie, Visioni e percorsi di fattibilità

(a cura di Alessandro Giangrande, Elena Mortola e Romina Peritore)

STRATEGIE D’INTERVENTO PER LA CITTA’ STORICA DI ROMA: un laboratorio permanente da un punto di vista di genere, promosso dal Dipartimento di Beni Storici e Culturali dell’Ordine degli Architetti di Roma

  • Sinergia tra la Casa dell’Architettura e la Casa della Città (5 pg)
  • Due convegni promossi dalle Associazioni FIDAPA e SIUIFA e un workshop di progettazione partecipata: applicazione dei metodi Visioning e Open space Technology (30 pg)
  • La procedura Strategic Choice applicata alla città storica di Roma (40 pg.)
  • I gruppi di lavoro del Laboratorio permanente
  • La progettazione strategica dal basso nel quartiere Delle Vittorie nel Municipio Roma1. Un progetto pilota nel quartiere Delle Vittorie (schede-fuochi) (10 pg.)

VISIONI E PERCORSI DI FATTIBILITÀ: IL CASO DEL RECUPERO DELL’EX-RIMESSA ATAC

  • Il quartiere Delle Vittorie a Roma. E’ ancora il “bel quartiere”? (10 pg)
  • Diverse esperienze di partecipazione dagli anni ’60 a oggi: il caso di via Sabotino e dell’ex-rimessa ATAC (5 pg)
  • Cronaca della lotta degli abitanti contro il progetto proposto dall’ATAC (10 pg.)
  • La nascita del Coordinamento Cittadino Progetto Partecipato (CCPP) e il Laboratorio di Progettazione partecipata del Municipio XVII Oggi Municipio Roma1 (10 pg.)
  • Gli aspetti metodologici: dalla passeggiata di quartiere, alle linee guida, ai visioning degli abitanti e alla loro rappresentazione (10 pg.)
  • La fattibilità: dal crowfunding alle Cooperative di Comunità (10 pg.)

 

Appendici

  • Il metodo Strategic Choice
  • Alcuni visioning degli abitanti e la loro rappresentazione
  • Le linee guida del CCPP (Coordinamento Cittadino Progetto Partecipato)
  • Le linee guida per la partecipazione (Carte in Regola)
  • Le schede-progetto del Municipio Roma 1, compilate dagli abitanti in occasione dei laboratori municipali in vista della Conferenza urbanistica

 

 

 

Bibliografia

  1. Edmondo Sanjust di Teulada (2008), Il Piano Regolatore di Roma 1908, Casa editrice Università La Sapienza
  2. Insolera I. (2010), Roma, per esempio, Donzelli ed., pg.120
  3. Insolera I. (1962) Roma Moderna, Piccola Biblioteca Einaudi ed.
  4. ecc

Laboratorio permanente sui problemi della Città Storica da un punto di vista di genere

L’Ordine degli Architetti di Roma e del Lazio ha istituito recentemente (aprile 2014) il Dipartimento dei Beni Culturali nel cui ambito opererà il Laboratorio permanente sui problemi della Città Storica da un punto di vista di genere.

Continue reading Laboratorio permanente sui problemi della Città Storica da un punto di vista di genere

Locandina libro collana Progettazione Sostenibile Partecipata

Series directed by Elena Mortola, publisher Gangemi, Rome Italy

“Participation is a complex question. But I still believe that for architecture is one of the ways out.” As Giancarlo de Carlo, I believe that to overcome the current situation of architecture isolation from society is necessary to start from participation practices.

These serie wants to offer a space to all those who intend to tell – even in critical terms – their experiences of participatory planning aimed at improving our living environment.

 

BOOKS AND AUTHORS

  • TEACHING OUTDOOR SPACES
    A participatory planning process
    by Alessandro Giangrande, Gabriella Guidetti, Elena Mortola
  • PARTICIPATORY DESIGN
    The Angelo Mai case in the Rione Monti in Rome
    by Alessandro Giangrande and Elena Mortola
  • COHOUSING DESIGN AND PARTICIPATED IN THE OLD TOWN
    The case of a former monastery in Magliano Sabina
    by Elena Mortola, Fausta Mecarelli
  • PARTICIPATION AND ICT
    For a liveable city
    by Antonio Caperna, Alessandro Giangrande, Paolo Mirabelli, Elena Mortola
  • EMERGING DEMOCRACY
    The season of Participatory Budgets in Rome and Lazio
    by Lea Angeloni, Daniela Festa, Alessandro Giangrande, Adriana Goni Mazzitelli, Riccardo Troisi
  • A WORKSHOP IN PORTOFINO
    Traces of Memory and Future of the places
    by Alessandro Giangrande, Elena Mortola, Romina Peritore
  • THE GAME DOES NOT STOP
    Participatory planning practices for the right to the city of children
    by Laura Moretti, Viviana Petrucci
  • The EX-STORE ATAC “VITTORIA”
    Participatory planning in Rome
    By Alessandro Giangrande, Elena Mortola, Romina Peritore

 

  • Books Indexes

TEACHING OUTDOOR SPACES
A participatory planning process
by Alessandro Giangrande, Gabriella Guidetti, Elena Mortola
Dipartimento Studi Urbani Università Roma Tre – Municipio Roma VI

Introduction
1.1 Redevelopment of school gardens of Rome City Hall VI
(G. Palmieri, President of the Rome City Hall VI)
1.2 Innovation and construction of local networks: added value of the participation process
(G.Guidetti)
1.3 “What an effort! But it’s nice!”
(The Headmaster and the teachers of the Primary School Iqbal Masih)
1.4 Finally, in the garden!
(Coordinator and Teacher of the Nursery School “Enrico Toti”)
1.5 A small “forest” for children
(Coordinator and Educators of the nursery “Enchanted Forest”)

The teacher training
2.1 Introduction (A.Giangrande)
2.2 Sustainable development (A.Giangrande)
2.3 Principles and methods of participatory planning (A.Giangrande)
2.4 Two examples of application (A.Giangrande)
2.5 Design SFC (Support Framework Citizen) Redevelopment of gardens and educational spaces (C.Tosi)
2.6 The design of green (F.Rinalduzzi)

The process of participatory planning
3.1 The method used (A.Giangrande, E.Mortola, V.Petrucci)
3.2 The repertoire of suggestions (A.Giangrande, E.Mortola, V.Petrucci)
3.3 Inspection and “Diagnosis Site” (A.Giangrande, E.Mortola, V.Petrucci)
3.4 Construction of the Future Scenario (A.Giangrande, E.Mortola, V.Petrucci)
3.5 Map of the “Vision” (A.Giangrande, E.Mortola, V.Petrucci)
3.6 Development of preliminary and final projects (A.Giangrande, E.Mortola, V.Petrucci)
3.7 The animation as a tool to encourage participation and the expression of pupils C.Tosi
3.8 The survey of trees and shrubs present F.Rinalduzzi

From design to construction
4.1 The implementation of the three winning projects (A.Giangrande, E.Mortola, G.Baiocco)
4.2 The creation of the school “Iqbal Masih garden” in via Ferraironi (A.Giangrande, E.Mortola, G.Baiocco)
4.3 The creation of the garden of the kindergarten “E.Toti” (A.Giangrande, E.Mortola, G.Baiocco)
4.4 The realization of the nest “Enchanted garden” (A.Giangrande, E.Mortola, G.Baiocco)
4.5 Environmental sustainability issues (F.Rinalduzzi)
AppendixDescription of activity, project Description

 

PARTICIPATORY PLANNING, a case of Angelo Mai and Rione Monti in Rome   (A. Giangrande, E. Mortola)

1. Angelo Mai, a case of participatory planning

2. Historical background on the character of Angelo Mai and the building complex
2.1 Historical background of Angelo Mai (E. Mortola)

3. The participatory planning process
3.1 The recovery of the Angelo Mai Institute: History of the participatory process (A. Giangrande)

4. A workshop-competition organized with the  Bauhaus Universität Weimar for the recovery and reuse of the Angelo Mai Garden (2006-2007)
4.1 Workshop objectives
4.2 The laboratory design and installations
4.3 The garden centers (E. Mortola)

5. The institute Angelo Mai: archeology and functional metamorphoses
5.1 Methodology
5.2 The archaeological context
5.3 The archaeology of Angelo Mai and the Pattern Language: a planning meeting
5.4 The archaeological areas in participatory planning (L. Ciotti)

6. The role of the people and institutions
6.1 The socio-cultural context for the reappropriation and participatory planning of the Angelo Mai Institute (A. Goni Mazzitelli)

7. Recovery of Angel’s Garden Mai: Final Project
7.1 The steps of the method
7.2 The Angelo Mai garden: the map of the wholeness
7.3 Construction of the future scenario (visioning)
7.4 The garden project: the unfolding (E. Mortola, A. Giangrande, G. Baiocco, F. Mecarelli)
Appendix  Color plates

 

COHOUSING AND PARTICIPATION IN THE HISTORICAL CENTERS
The case of a former monastery in Magliano Sabina
by Elena Mortola, Fausta Mecarelli
Presentation
Recovery participated for cohousing

1.For a history of the monastery of S. Croce
1.1 The territory and the Diocese of Magliano Sabina. Background
1.2 The Monastery of S. Croce under the Rule of St. Clare
1.3 The pastoral visit of Cardinal. Andrea Maria Corsini 1779-1782
1.4 The political events of the nineteenth century
1.5 The old Hospital of Magliano and its transformations (Enrica Torelli Landini, Anastasia Staccioli)

2.Magliano Sabina: a tuff rock in the Tiber Valley
2.1 General Information about the City
2.2 The Territorial Plan PTP No. 4 – The Tiber Valley
2.3 The Territorial Plan PTC No. 4 – The Tiber Valley
2.4 The Regional Landscape Territorial Plan PTPR
2.5 The PRG ’90
(Lucia Nucci)

3.Magliano Solar: participatory project of photovoltaic building integration in a historic building
3.1 The ex-building complex Convent of Santa Maria delle Grazie
3.2 Integration of Renewable Energies (BIPV)
3.3 The building integrated photovoltaic project in the former Convent of Santa Maria delle Grazie in Magliano Sabina
(Massimo Bastiani)

4.Cohousing and participatory design
4.1 The origins and the deep reasons of cohousing
4.2 The Cohousing and participatory design
4.3 Experiences of cohousing in Italy and abroad
4.4 What happened to the common of the 60?
4.5 The character and the feasibility of cohousing and AutoRemounter
4.6 The Cohousing with a purpose
4.7 The feasibility of cohousing
4.8 The cohousing from a legal point of view: the construction co-op
(Elena Mortola)

5.The role of “A Pattern Language” in the recovery and reuse project in cohousing of former monastery of  St. Chiara
5.1 Introduction
5.2 A Pattern “The family” in syntesis
5.3 A “pattern language” for cohousing
(A. Giangrande)

6. Residential Styles and
cohousing attitude of the people of Magliano Sabina
6.1 the young people
6.2 the seniors
6.3 the adults
6.4 the role of administrators and politicians
(Elisabetta Cerroni)

7. A design process in three stages: Wholeness, Visioning, Unfolding
7.1 Wholeness
7.2 Visioning
7.3 Unfolding
(Elena Mortola)

8. A design workshop between Magliano and Rome
8.1 Design – Description of the wholeness
8.2 Description of wholeness through the notes of photographs and drawings
8.3 Results of the workshop 2010-2011
(Elena Mortola, Fausta Mecarelli)

 

PARTICIPATION AND ICT
For a liveable city
by Antonio Caperna, Alessandro Giangrande, Paolo Mirabelli, Elena Mortola

1. The roots of participatory planning and Urban Design(E.Mortola)
2. Integration of participation practices in sustainable planning processes (A.Giangrande)
3. The interactive design (E.Mortola)
A participatory planning process in presence and on line (A.Giangrande)
5. Elements of Information Communication Technology (ICT) and its applications in urban policies (A.Caperna)
6. Offers Capacity from ICT for participation (P.Mirabelli)
7. Peer-to-peer (P2P) Urbanism (A.Caperna)
8. Bioplanning as a new epistemological model (A.Caperna e S.Serafini)

Attachments
A. From the survey before plan to the doctrine of the plan of A. Faludi (A.Giangrande)
B. STRATEGIC CHOICE: A short methodological note (A.Giangrande)
C. Urban Restoration in Rome: Strategic Choice and other design methods (A.Giangrande and E.Mortola)
D. Teaching and online participation (A.Caperna, A.Giangrande, P.Mirabelli, E.Mortola)
E. The main participatory methods (A.Caperna, A.Giangrande, P.Mirabelli, E.Mortola)

 

A WORKSHOP IN PORTOFINO
Traces of Memory and Future of the places
by Alessandro Giangrande, Elena Mortola, Romina Peritore
Teachers: Alessandro Giangrande, Elena Mortola, Romina Peritore
Tutor: Francesca Giangrande
Students: Livio Betti, Cosimo Campani, Antonello Gianfreda, Marta Gnesi, Leonardo Magursi, Eleonora Massaro, Riccardo Vergari

Acknowledgments thanks
– The municipality of Portofino
– The Association PSP (Progettazione Sostenibile Partecipata)
– Lea Angeloni for its vibrant and collaborative participation in all activities of workshop

Index
1 INTRODUCTION
1.1 A letter to a friend as a Preface
1.2 List of the main problems today in Portofino
1.3 A possible solution(Elena Mortola)

2 THE CONTEXT
2.1 Workshop in Portofino (2002 and 2003)
2.2 A pattern language for Portofino
2.3 Evolution of the Borgo
2.4 Reading of historical maps
2.5 Characters of the natural and agricultural landscape
2.6 The contribution of architecture: two examples (San Fruttuoso and Portofino)(Elena Mortola)

3 TRANSFORMATION OF PORTOFINO WHOLENESS
3.1 Transformation of the wholeness of the end of 1800 to today
3.2 The activities in Portofino from the Middle Ages to the seventeenth century
3.3 The terraced houses
3.4 The current wholeness of the square and the two moles
3.5 Creation of an Urban Living Laboratory in Portofino(Elena Mortola)

4. INTERVIEWS  to
4.1 Mayor George D’ Alia (Elena Mortola e Francesca Giangrande)
4.2 Giorgio Devoto (Elena Mortola e Francesca Giangrande)
4.3 Ugo Repetto (Romina Peritore)
4.4 Parks of Liguria(Francesca Giangrande)
4.5 Mariangela Canale (Romina Peritore)
5. MAP of “wholeness” (Livio Betti, Cosimo Campani, Antonello Gianfreda, Marta Gnesi, Leonardo Magursi, Eleonora Massaro, Riccardo Vergari)
6. “Visioning” (Livio Betti, Cosimo Campani, Antonello Gianfreda, Marta Gnesi, Leonardo Magursi, Eleonora Massaro, Riccardo Vergari)

ATTACHMENTS
Annex A – Christopher Alexander methods in the regeneration and reuse (Alessandro Giangrande)
Annex B – The phenomenon of second homes in Liguria and Portofino: socio-economic impacts on the development of the territory(Romina Peritore)

 

The EX-STORE ATAC “VITTORIA” Participatory planning in Rome

By Alessandro Giangrande, Elena Mortola, Romina Peritore

Index

  1. Della Vittoria district in Rome is still the “nice neighborhood”? (Elena Mortola)
  2. The ex-depot ATAC and Della Vittoria neighborhood (Elena Mortola)
  3. The PRG standards, hydrographic situation and the opinion of the Superintendent (Alessandro Giangrande and Elena Mortola)
  4. Via Plava area and the first experiences of participation of residents (Alessandro Giangrande and Elena Mortola)
  5. The “deep structure” of the former depot and its surroundings (Alessandro Giangrande)
  6. Foreshadow the future (visioning) (Alessandro Giangrande)
  7. Project proposals (Alessandro Giangrande and Elena Mortola)
  8. Civic feasibility of urban projects: the crowfunding to the Community Cooperative (Romina Peritore)
  9. A contribution of two citizen (Caterina Pilo Boyl and Silvia Gnetti)

Workshop a Portofino 26 settembre 2015

 

OPENPISM-PSP

Workshop promosso  dall’Ass. PSP

Articolo Giangrande Mortola in un libro di Friend

Neighbourhood renewal in Rome

La tecnologia sostenibile di C.Alexander

Di Michael Mehaffy and Nikos Salingaros Continue reading La tecnologia sostenibile di C.Alexander

Plot-Based-Urbanism

Lezione di Sergio Porta a Roma – Argiletum 6 giugno 2014

http://www.udsu-strath.com/wp-content/uploads/2011/11/Plot-Based-Urbanism_10_OR-SP-FINAL_low-res.pdf

Workshop a Portofino 28 settembre – 4 ottobre 2014

aaaWorkshop a Portofino-OpenPISM2programma workShop portofino Continue reading Workshop a Portofino 28 settembre – 4 ottobre 2014

Mobile civic engagement: alcuni esempi attivi

Sono ormai diverse le iniziative che integrano applicazioni mobili, GIS e Web per responsabilizzare i cittadini nella gestione del territorio (molti parlano di un circolo virtuoso in cui i dati sono a disposizione di tutti e i cittadini collaborano direttamente col personale delle pubbliche amministrazioni che vengono a loro volta responsabilizzati). Si tratta principalmente di società commerciali che, per ora, offrono i servizi, o almeno una parte, gratuitamente (il modello economico sembra “freemium”).

http://www.citysourced.com/default.aspx

Citysourced dalla California si sta diffondendo in tutti gli USA. Mediante una applicazione mobile, per iPhone, Android e Blackberry, è possibile in qualsiasi momento denunciare con una foto quello che non va in città, dalle buche in strada ai rifiuti abbandonati. La segnalazione viene automaticamente georeferenziata e inviata all’ufficio di competenza. Il cittadino può anche seguire gli sviluppi della propria denuncia per vedere se il problema è stato risolto o meno. Da un lato tutti gli abitanti possono riportare un problema con estrema facilità, dall’altro gli uffici competenti possono rispondere con più efficienza e e sono stimolati a farlo con tempestività. Sono disponibili delle semplici API documentate.

http://www.seeclickfix.com/citizens

SeeClickFix, (vedi, clicca, ripara) offre tre diverse licenze a pagamento, di nuovo una applicazione mobile, per iPhone, Android e Blackberry ma sembra interessante la widget per siti Web. Sembra molto meno usato ma le intenzioni sono le stesse:”il cittadino che vede le proprie denunce risolte si sente molto più legato alla sua comunità ed è dunque più propenso a esporne i problemi. E’ un meccanismo che si autoalimenta”. E se l’amministrazione si dovesse girare dall’altra parte? Per far fronte a questa eventualità, diversi strumenti chiamano in causa la funzione watchdog dei media: giornali, radio e televisioni locali ricevono a loro volta le segnalazioni fatte dagli utenti, così da poter dare maggiore visibilità alle situazioni di incuria e degrado.

http://www.cityofboston.gov/doit/apps/citizensconnect.asp

Citizensconnect a Boston si propone si propone esplicitamente come strumento di partecipazione, per indurre la popolazione a rendere più belli i quartieri, curandosi non solo delle emergenze o di ciò che accade nella propria casa. Si basa su connectedbits.com, con app per Android e iPhone.


http://www.fixmystreet.com/

Fixmystreet nel Regno Unito, senza app mobile ma basato solo su Web, vanta una media di oltre mille denunce a settimana, quattrocento delle quali approdano a una risoluzione.


http://neatstreets.com.au/

Neat Streets è l’equivalente australiano, con app per iPhone, Android e Blackberry, per ogni problema emerso vorrebbe riportare come e quando gli uffici competenti intendono risolverlo.


http://www.markaspot.de/en

La tedesca Mark a Spot , si propone come piattaforma di partecipazione (ad es. offre la possibilità di segnalare barriere architettoniche per i disabili). Sviluppata con Cake.php (deve essere presente sul server) ne offre una versione ridotta gratuitamente con licenza GPL.


http://www.voiceyourview.com/site/content_home.php

Da citare anche un progetto di ricerca che coinvolge molte università in UK finalizzato a mettere in condizione ogni cittadino di esprimere le proprie impressioni sull’ambiente che lo circonda, contribuendo alla costruzione di “mappe del timore” che possono poi essere usate dall’amministrazione per apportare migliorie. In generale l’obiettivo è di superare le tradizionali procedure di partecipazione che vedono la partecipazione di poche persone in poche occasioni e rendere la partecipazione alla costruzione e gestione del proprio ambiente un processo permanente e generale.

Visualizzazione interattiva “on site”: World Browsers e Mobile Augmented Reality Browsers

http://www.wikitude.org/

Wikitude World Browser, per Android, Symbian e iOS (iPhone), consente di navigare in augmented reality anche “mondi personali”. Da www.wikitude.me è possibili aggiungere POI (Points Of Interest) attraverso l’interfaccia di Google Maps, caricando attraverso un Web Service i dati da un proprio server e anche caricare raccolte di POI in formato KML (vedi Google Earth) e ARML (con maggior controllo sui dati quali, Web links e indirizzi di specifici POI). Documentazione su http://www.mobilizy.com/addcontent .


http://www.layar.com

Layar.com ( che si autodefinisce “il primo mobile augmented reality browser”) è un ottimo esempio di applicazione (ed evidentemente un caso di tecnologia sviluppata) di realtà aumentata su smartphone con mobile app per Android e iPhone

Le lezioni di OpenPISM 2014

Le lezioni teoriche on-line saranno alternate a illustrazioni di specifici casi di studio.
Le lezioni e le illustrazioni dei casi di studio avranno una durata di circa un’ora e si svolgeranno con frequenza settimanale nel tardo pomeriggio (ore 19).

 

I corsisti sono invitati a leggere le lezioni e i casi di studio prima della presentazione da parte dei docenti. Questo consentirà loro di partecipare in modo attivo alla loro presentazione.
Nella piattaforma e-learning corsi.progettazionepartecipata.org sarà possibile fare una discussione tra docenti e studenti sugli argomenti presentati.
  • PIANIFICAZIONE STRATEGICA PARTECIPATA (Giangrande-Mortola)

4 marzo-Lezione: Costruzione di scenari futuri (visioning)   (A.Giangrande, E. Mortola)

Un esempio di Visioning: La riqualificazione di p.zza Esquilino a Roma

 

11 marzo-Caso di studio: Roma:  La Città Storica – Vivere tra passato e futuro – Nuove strategie  (A. Giangrande, E. Mortola)

WORKSHOP 15 aprile 2013, ore 14,30

Processo promosso dalla Consulta dei Beni Culturali per l’Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e Provincia, dall’Associazione SI’uifa’ e dall’Associazione FIDAPA BPW Italia. Coordinatori/facilitatori del workshop: L. Angeloni, A. Giangrande, E. Mortola)

18 marzo-Lezione: Strategic Choice – Teoria ed esempio: scenario futuro, aree di decisione e opzioni; fuochi; schemi di decisione; aree di confronto; schema preferito. L’approccio in sintesi (A. Giangrande) Strategic Choice a Venezia

25 marzo-Caso di studio: Il caso di Valco S. Paolo a Roma  (A. Giangrande, E. Mortola)
Progetto presentato al “4° Tavolo Nazionale sui Contratti di Fiume”, Roma (25 settembre 2009) e pubblicato nel libro “Contratti di Fiume –  Pianificazione Strategica e Partecipata dei bacini idrografici”, Flaccovio Editore, Palermo (2011).

  • SOSTENIBILITA’ URBANA (Caperna)

1° aprileLezione: Introduzione al tema della sostenibilità- Documenti politici, Agenda XXI ed esperienze

  • PROGETTAZIONE PARTECIPATA (Giangrande, Mortola, Peritore)

8 aprile-Lezione:  Le radici della partecipazione  (E. Mortola)
Video su Youtube  prima parteseconda parteterza parte

11 aprile-Lezione: Partecipazione e progettazione: i principi (A. Giangrande)

15 aprile-Lezione: Alcuni metodi di progettazione partecipata: OST, Planning for real, Metodi di Alexander (A. Giangrande)

16-28 aprile: VACANZE DI PASQUA

29 aprile-Caso di studio: Recupero e riuso dell’ex deposito ATAC “Vittoria” di piazza Bainsizza a Roma (prima parte), Video su youtube 1°parteVideo su youtube 2° parte (A. Giangrande, E. Mortola, R. Peritore) Patternlanguage

(Storia del quartiere e nascita dell’ex deposito; il Laboratorio di Progettazione partecipata del Municipio Roma XVII; la situazione idrografica e ambientale; gli aspetti urbanistici; le linee guida degli abitanti)

6 maggio: Caso di studio: Recupero e riuso dell’ex deposito ATAC “Vittoria” di piazza Bainsizza a Roma (seconda parte) (A. Giangrande, E. Mortola, R. Peritore). sintesi della lezione

(Il seminario PSP; l’applicazione del metodo di Alexander: mappa della wholeness, costruzione dello scenario futuro, unfolding)

13 maggio-Caso di studio: Recupero e riuso dell’ex deposito ATAC “Vittoria” di piazza Bainsizza a Roma (terza parte) (A. Giangrande, E. Mortola, R. Peritore) Il crowdfunding civico-fattibilita’.

(estensione della progettazione partecipata agli aspetti economici e finanziari: civic crowdfunding -­‐ cooperative di comunità -­‐ prestito obbligazionario; possibilità di applicazione al caso dell’ex deposito)

  • PARTECIPAZIONE E ICT

20 maggio-Lezione: Educazione e ICT: applicazioni ed esemplificazioni (A.Caperna, A.Giangrande, P.Mirabelli, E.Mortola)

Per le lezioni di giugno vai all’indirizzo

 http://biourbanistica.com/openpism/

Continue reading Le lezioni di OpenPISM 2014

Altre attività formative Univ. Roma Tre

La commissione didattica  dell’Università Roma Tre ha riconosciuto DUE CREDITI al Distance Learning Course HUMAN ORIENTED DESIGN

E ALTRI DUE CREDITI al Design Studio a Portofino

per maggiori informazioni

Vai al sito di Roma Tre

Continue reading Altre attività formative Univ. Roma Tre

Mostra alla casa dell’Architettura 21gen.-1feb. 2013

Casa dell’Architettura 21 gennaio/1 febbraio 2013
USO PUBBLICO DELLE CASERME
PROGETTI DI CITTA’
NELLE AREE MILITARI IN DISMISSIONE

 

Caserme e altri complessi in dismissione

Ex-rimessa ATAC Vittoria

Tav 1          Il processo di progettazione partecipata tra storia e cronaca

 

Tav 2       Le “visioni” degli abitanti e un progetto esemplificativo coerente con le linee guida

Le radici della partecipazione

Le-radici-della-partecipazione